4 commenti su “GIANNI CHIERICI”

  1. Volerti bene è stato troppo poco! tu sei stato grandissimo! e grandissimamente mancherai a noi tutti
    sicuro come sei stato, regalandoci l’ esistenza della tua persona meravigliosa! sempre sarai vicino a noi , ti mando un grandissimo abbraccio e un grandissimo bacio!
    ciao Gianni
    tuo sempre Luca.

    Rispondi
  2. Volerti bene è stato troppo poco! tu sei stato grandissimo! e grandissimamente mancherai a noi tutti
    sicuro come sei stato, regalandoci l’ esistenza della tua persona meravigliosa! sempre sarai vicino a noi , ti mando un grandissimo abbraccio e un grandissimo bacio!
    ciao Gianni
    tuo sempre Luca.

    Rispondi
  3. Ho conosciuto Gianni negli Anni Cinquanta all’Oratorio di Via Legnani.
    Gianni ha avuto, in quegli anni, il grande merito di aver introdotto nel Gruppo Sportivo Robur la pallacanestro (allora si diceva così, la parola inglese “basket” è stata introdotta successivamente). Gianni rivestiva allora contestualmente il ruolo di ottimo giocatore e allenatore.
    Persona solare e ottimista, Gianni era un esempio per tutti, nello sport e nella vita!
    Mi sia consentita, in questa triste circostanza, una inusuale digressione relativa ad una “prodezza” sportiva di Gianni. Digressione che penso farebbe piacere a Gianni. All’inizio degli Anni Sessanta la Robur partecipa al campionato di Serie C e gioca sul campo del Sondrio con la locale squadra. A pochi secondi dal fischio finale (allora venivano effettuati due tempi effettivi da 25 minuti) il punteggio era Sondrio 70 e Robur 69. Palla alla Robur nella propria metà campo. Gestisce il pallone Gianni, incitato dai tifosi roburini che controllavano il cronometro ufficiale e gridavano: “Gianni tira”. Gianni, senza esitare, dalla difesa scaglia una altissima parabola, mentre il cronometrista fischia la fine con il pallone ancora in volo. Per il regolamento di allora occorreva attendere l’esito del tiro per l’effettiva fine dell’incontro. La palla termina la sua corsa nel canestro e così il risultato finale è Sondrio 70 e Robur 71! Grandi abbracci tra i roburini e Gianni… portato in trionfo!
    Con questo ricordo e con la mia profonda stima per l’Uomo, il mio “Ciao Gianni”!

    Marino Rimoldi

    Rispondi

Lascia un commento

Invia un fiore.
Mostra la tua vicinanza.

Grazie al nostro servizio puoi inviare un pensiero floreale alla famiglia colpita dal lutto, per mostrare la tua vicinanza e il tuo supporto.

SCOPRI LE COMPOSIZIONI FLOREALI

Spazio a vostra disposizione

Se sei un’azienda o un professionista e vuoi pubblicare un banner su necrologionline.it contattaci all’indirizzo info@ilnecrologionline.it